via F. Patella 16

64023 Mosciano Sant'Angelo (TE)

dr.danielefortunato@gmail.com

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon

Tel: 3287152402

© 2017 by Daniele Fortunato. Proudly created with Wix.com

Blog

Adipometria Stratigrafica, L'Ecografia del Nutrizionista

April 3, 2018

 

 

 

L'analisi della composizione corporea è lo strumento attraverso cui il nutrizionista valuta tantissimi parametri utili alla determinazione di una dieta ottimale o della tipologia di esercizio fisico più adatto a raggiungere un obiettivo. Sapere la quantità di massa grassa e di massa magra di un paziente è fondamentale, sia per capire i fabbisogni energetici e nutritivi di quest'ultimo che per capire come egli risponde ad una terapia alimentare; è utile in tantissimi campi che vanno dal semplice dimagrimento alla valutazione di una sarcopenia nel paziente oncologico o anoressico.

Se fino ad oggi però gli strumenti per la determinazione della composizione corporea erano basati su indagini indirette, come la BIA e la Plicometria, oggi finalmente nel mondo si sta diffondendo una nuovissima tecnica di valutazione diretta: la Stratigrafia.

 

Cos'è la Stratigrafia?

 

Si tratta di una Ecografia di nuova generazione, che non si basa sull'analisi di un singolo punto ma si estende per tutto un segmento corporeo che il Nutrizionista sceglie in base al caso clinico che si trova davanti.

Questa ecografia lineare permette quindi di analizzare le varie strutture che si trovano al di sotto della cute: se prima CALCOLAVAMO la percentuale di massa grassa, e la percentuale di massa muscolare, oggi grazie a questa nuova analisi la possiamo VEDERE con gli occhi e misurare direttamente.

 

Ma non finisce qui: questa metodica non si limita ad analizzare le misure della profondità del grasso e degli strati muscolari sottostanti, ma permette di analizzarne anche la qualità; possiamo quindi capire se la quantità di grasso profondo DAT (Deep Adipose Tissue) è eccessiva rispetto a quella del grasso superficiale SAT (Superficial Adipose Tissue) o viceversa. Possiamo così capire se il paziente sta dimagrendo e perchè sta dimagrendo, possiamo capire se invece sta perdendo massa muscolare e perchè. Possiamo capire se un paziente sportivo sta allenando bene un muscolo o se lo sta soltanto stressando, se sta potenziando un distretto muscolare o lo sta demolendo.

 

In quali casi si applica la Stratigrafia?

 

Essendo una Ecografia estesa, questa metodica si applica a tutti i casi che si presentano ad un Nutrizionista attento. Le applicazioni di questa metodica sono innumerevoli e con una buona conoscenza dell'anatomia umana non ci sono limiti al suo utilizzo.

 

Pensiamo ad esempio agli sportivi professionisti: gli atleti hanno bisogno di allenarsi per le varie competizioni, e lo devono fare secondo certi parametri, hanno degli obiettivi nei diversi periodi dell'anno, oppure devono rientrare in alcune categorie di peso ottimizzando al massimo la composizione corporea. I ciclisti ad esempio durante il periodo invernale fanno degli allenamenti specifici al fine di aumentare la resistenza allo sforzo ed arrivare alla stagione delle gare con una buona massa muscolare e poco grasso. Facile immaginare in questo caso come l'Ecografia muscolare sia d'aiuto nella determinazione di un buon allenamento o viceversa. Un ciclista che si alimenta male e si allena molto avrà un vasto intermedio ben rappresentato ma un retto femorale lasso sottile e disomogeneo, avrà un tessuto adiposo superficiale compatto e sottile ma un tessuto adiposo profondo presente dove non serve, inoltre la lamina basale su cui poggia il grasso sarà ben visibile ed ingombrante.

I danzatori professionisti ad esempio avranno invece i muscoli posturali molto ben rappresentati e compatti, i bodybuilder al contrario avranno i muscoli più superficiali  meglio rappresentati dei posturali.

 

Altro esempio è rappresentato dai casi di sarcopenia che si verificano negli individui con un disturbo del comportamento alimentare o nei pazienti oncologici: in questi casi basta veramente poco per capire la gravità della situazione ed è altrettanto semplice verificare se il paziente ha seguito o meno le raccomandazioni dietetiche.

Le donne in gravidanza ed allattamento ad esempio hanno una composizione del grasso superficiale tipica, così come le persone che presentano delle patologie endocrine o metaboliche.

 

questi sono soltanto alcuni degli esempi in cui questa tecnica è utile, in realtà i campi di applicazione sono illimitati ed essendo una novità gli studi futuri ci forniranno sempre maggiori dati per interpretare le condizioni di salute di un paziente.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Psoriasi: la cura in un percorso multidisciplinare a Teramo

February 2, 2019

1/9
Please reload

Archive
Please reload

Follow Me
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Pinterest Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now