via F. Patella 16

64023 Mosciano Sant'Angelo (TE)

dr.danielefortunato@gmail.com

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon

Tel: 3287152402

© 2017 by Daniele Fortunato. Proudly created with Wix.com

Blog

Linee guida dietetiche per persone affette da carcinoma mammario

August 13, 2017

Quest'articolo riprende e sintetizza 15 anni di studi approfonditi e review riguardanti le strategie nutrizionali applicate ai pazienti con carcinoma mammario ed il potenziale impatto di una dieta personalizzata sullo stato nutrizionale dei pazienti durante e dopo il trattamento antineoplastico.

 

 

 

I risultati hanno indicato che i pazienti dovrebbero ricevere una valutazione nutrizionale immediatamente dopo la diagnosi. Inoltre, dovrebbero essere incoraggiati a perseguire e mantenere un peso corporeo adeguato (indice di massa corporea (BMI; in kg / m2) 20-24,9], preservando la loro massa magra ed evitando un aumento della massa grassa. Pertanto, dopo la diagnosi di stato nutrizionale, una restrizione energetica conservativa di 500-1000 kcal/giorno potrebbe essere considerata opportuna nell'intervento dietetico. Sulla base delle informazioni esaminate, proponiamo un intervento nutrizionale personalizzato per i pazienti durante e dopo il trattamento antineoplastico. Le specifiche tecniche nella terapia nutrizionale dovrebbero basarsi sullo stato nutrizionale dei pazienti, sulle abitudini alimentari, sullo stile di vita, sulle attività svolte e sulle preferenze culturali. L'assunzione di energia giornaliera dei pazienti deve essere distribuita come segue: <30% di grassi/giorno (principalmente acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi), ~55% di carboidrati (principalmente alimenti integrali e frutta) e 1,2-1,5 g Proteine ⋅ kg-1 ⋅ d-1 per evitare l'obesità sarcopenica. I risultati suggeriscono che 5-7 porzioni di frutta (~ 150 g/porzione) e verdure (~ 150 g/porzione) dovrebbero essere fortemente consigliati. Anche l'aglio e le verdure come le crucifere devono essere parte della terapia nutrizionale. Adeguati apporti alimentari di macro- e micronutrienti a base di alimenti ricchi di β-carotene e delle vitamine A, E e C possono sia impedire il deterioramento dello stato nutrizionale dei pazienti oncologici e migliorare la loro salute generale e la prognosi, nonchè ridurre l'insorgenza di recidive.

 

Vai all'articolo

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Psoriasi: la cura in un percorso multidisciplinare a Teramo

February 2, 2019

1/9
Please reload

Archive
Please reload

Follow Me
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Pinterest Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now